Quando osservo i ragazzi nel loro modo di utilizzare internet, spesso mi trovo davanti a superficialità e leggerezza. Ad un pericoloso eccesso di fiducia verso lo strumento utilizzato e verso il prossimo. Proprio a causa di un “virtuale” inteso come “non reale”, i ragazzi abbassano la guardia e tendono a non applicare su internet quegli stessi atteggiamenti prudenti che hanno nei rapporti interpersonali.

Da una parte i genitori sono complici di questo meccanismo, perché mettono a disposizione dei figli un cellulare troppo presto. Lo fanno per agevolare un senso di vicinanza o più semplicemente perché “tutti lo fanno”. Se non che, oggi, un telefono cellulare è molto di più di un oggetto per telefonare. È necessario affiancare bambini e ragazzi quando si dotano di una porta d’accesso così grande a un mondo sconfinato.

I rischi di questo presente digitale senza passato e in frenetico divenire sono concreti e forti.

Non sottovalutiamo che i ragazzi sentono un bisogno irrefrenabile di essere riconosciuti per essere accettati. Mostrano l’esteriorità, forse anche perché il valore dell’immagine sta continuando la sua scalata ed è sempre più riconosciuto come un concetto più forte della parola.

I giovani di oggi sono spesso troppo sprovveduti rispetto alle problematiche legate all’affidabilità e credibilità delle informazioni che trovano sul Web. Più ancora, riguardo alle persone che incontrano nei luoghi virtuali: per questo motivo un’attenzione orientata ad offrire strategie di sostegno e di guida, nel rispetto della libertà dei ragazzi, potrà contribuire a tenerli lontani da possibili rischi se non in alcuni casi vere e proprie minacce.

Queste mie parole sono rivolte a tutti voi genitori. La società di oggi impone nuove responsabilità educative, possiamo definirle responsabilità “digitali”. L’invito che vi faccio è quello di “InformarVi per InformarLi”:

  • di fronte ad ogni dubbio non limitatevi a sperare di esservi sbagliati. Siate fiduciosi, ma non ingenui. Approfondite le “cose che non vi tornano”.
  • Offrite ai vostri figli la certezza che sarete sempre disponibili a parlare con loro, anche quando pensano di averla combinata grossa. Ricordatevi che se temono punizioni o conseguenze negative sarà più difficile che si confrontino o chiedano consiglio.
  • I ragazzi devono avere la percezione che non ci stanchiamo mai di affiancarli: l’unione fa la forza!

Internet è una metropoli, piena di persone, di auto, mezzi di trasporto, di vie, di luci e di ombre, di locali di ogni genere … di opportunità, ma anche di pericoli. Lascereste vostro figlio andare in giro da solo senza prima avergli dato gli strumenti necessari per sapersi orientare?

Se vuoi sapere come affiancare tuo figlio, clicca su questo link  https://www.pedagogistapistoia.it/un-click-le-10-regole-doro-genitori/

© 2015 Erica Petrucciani, pedagogista a Pistoia.
P.Iva: 01876480474 - Realizzato con ♥ da Mochi Design

Seguimi su: